Chi sceglie di sottoporsi ad un qualsiasi massaggio, lo fa con diversi obiettivi. Il primo è quello di ridare tonicità alla parte del corpo nel quale lo stesso viene applicato. Il secondo coincide con l’opportunità di ritrovare tranquillità interiore, grazie alla quale è possibile affrontare al meglio giornate logoranti sotto tutti i punti di vista.

È caso anche del massaggio plantare. Stiamo parlando di una tecnica proveniente dalla lontana Thailandia, grazie alla quale è possibile ridurre lo stress in misura notevole. Se soffri di problemi all’anca o di una fascite plantare, o più semplicemente se devi vedertela con una stanchezza perdurante? Allora dovresti tenere in seria considerazione l’ipotesi di sottoporti ad una seduta di massaggio plantare.

A questo punto, non ti resta altro da fare che scoprire insieme a noi come funziona tale pratica e quali benefici è in grado di garantirti nel giro di un arco di tempo molto contenuto.

Che cos’è il massaggio plantare thailandese

Il massaggio plantare thailandese corrisponde ad una pratica estremamente semplice da spiegare. Infatti, il massage feet consiste nella capacità di avvolgere i piedi in una sensazione di profondo relax e comfort, con la possibilità per l’appunto di massaggiarne la pianta e ottenere gli effetti desiderati in poco tempo. Tutto ciò avviene perché, in base a quanto dichiarato dalla medicina orientale, i piedi vengono considerati come una delle parti più importanti del nostro corpo grazie alle loro numerose diramazioni nervose, in grado di attraversare l’intero organismo e dargli tutto il sollievo necessario.

Conosciuto anche con la denominazione di riflessologia plantare, il massaggio plantare agisce su punti ben precisi del tuo piede al fine di darti nuove energie per affrontare qualsiasi tipo di situazione quotidiana. Oltre che sul piede, la tecnica agisce sulla gamba, che viene avvolta all’interno di un semplice asciugamano con lo scopo di proteggere i muscoli. Se ti sottoponi ad un massaggio del genere con una certa frequenza, puoi ricevere una serie di benefici tangibili nel tempo.

I benefici offerti da un messaggio plantare thailandese

Un buon massaggio plantare è in grado di fornirti diversi vantaggi che dovresti tenere in seria considerazione quando stai decidendo se sottoporti o meno ad un simile trattamento. Ecco, dunque, quali sono le opportunità che puoi cogliere al volo quando ti accingi alla riflessologia thailandese, specie se collegate in maniera diretta alla medicina tradizionale:

 

  • il foot massage ti consente di curare alcuni disturbi, dando un nuovo equilibrio al tuo organismo;
  • come accennato in precedenza, incrementa la tua energia e ti permette di affrontare determinate evenienze con maggiore prontezza di corpo e spirito;
  • riduce stress e ansia, oltre a darti tutto quel sollievo che ti serve ogni giorno;
  • elimina i dolori del tuo corpo, fornendogli maggiore tonicità;
  • serve a prevenire ogni patologia, con la chance di agire con più tranquillità rispetto al solito;
  • garantisce una maggiore efficacia alla circolazione sanguigna e linfatica, conferendo più funzionalità all’intero organismo.

La chance di regalare un massaggio plantare

Come puoi ben notare, i motivi per sottoporti un massaggio plantare thailandese sono davvero numerosi e tutti di elevata importanza per il tuo organismo.

Ricorda di accompagnare le sedute di massaggio thailandese con l’assunzione cospicua di acqua per rimuovere ogni traccia di acidi lattici e tossine. Al tempo stesso, ricordati che non dovresti affidarti alla riflessologia per più di 45 minuti al giorno su entrambi i piedi e le gambe.

Se hai intenzione, tuttavia, di aiutare un tuo caro amico a ritrovare la forma fisica perduta e ad acquisire una maggiore tranquillità nel quotidiano, puoi sempre scegliere di regalargli un massaggio plantare.

La persona che riceverà un dono simile sarà ben lieta di poter trascorrere un po’ di tempo all’insegna di un profondo relax. Un aiuto per ogni tipo di situazione!

Insomma: Il massaggio plantare? un idea per ridurre lo stress!